Programmi a supporto della leadership femminile

Cos’è un programma a sostegno della leadership femminile?

E’ un programma il cui obiettivo è avere, in un determinato arco temporale, una data percentuale di donne in certe posizioni aziendali. Tipicamente le posizioni sono quelle manageriali, dirigenziali e apicali, ma potrebbero essere anche posizioni professionali in alcune funzioni dove la presenza femminile è ancora troppo ridotta.

Quali sono le tappe chiave per avviare un programma a sostegno della leadership femminile?

Si trovano alcuni sponsor aziendali di peso, si analizza la situazione di partenza e le sue aree critiche, si decidono gli obiettivi (e come/quando verranno misurati), si scelgono le attività da lanciare (workshop di formazione, mentoring, coaching, ecc.), l’arco temporale durante il quale si deve svolgere il programma e la comunicazione interna e esterna.

Quali sono gli snodi critici di un programma a sostegno della leadership femminile?

Ci sono quattro aspetti a cui prestare attenzione particolare:

  • Fare un diagnostico ciò che impedisce alle donne di progredire nella carriera. Si può usare un diagramma a “spina di pesce” o qualsiasi altro metodo purché si identifichino tutti i problemi (e non solo quelli più evidenti) e per ciascuno le relative cause. A volte i problemi si annidano nelle pratiche organizzative ed è importante capirlo.
  • Scegliere i temi particolarmente rilevanti per le donne che lavorano nell’organizzazione. Quello che tipicamente mette in difficoltà le donne è noto, ma quali comportamenti sia più urgente indirizzare dipende dalla cultura organizzativa specifica, dal suo sistema premiante, dai percorsi di carriera…E’ utile quindi ragionare su questi aspetti per partire da ciò che è più importante.
  • Mettere a punto (con o senza consulenti esterni) alcuni workshop e magari anche iniziative complementari (eventi, book-club, ecc. che rafforzino l’interesse) che indirizzino i temi identificati.
  • Coinvolgere le donne. Questo è un punto su cui non è facile trovare la formula giusta. Le donne vanno coinvolte con positività ed entusiasmo. Certamente bisogna evitare le stigmatizzazioni da “corso di recupero” (“le donne devono fare i workshop perché sono meno adatte alle organizzazioni”). Aderire al programma non deve implicitamente significare inadeguatezza.

scalata

Quali argomenti vengono tipicamente trattati nei workshop?

Di solito risultano utili workshop su questi temi: gestione della carriera, assertività, auto-promozione, networking, gestione dello stress, bilanciamento vita-lavoro e leadership al femminile. Tipicamente si si tratta di workshop monotematici di mezza o una giornata.

Quali approcci è possibile adottare per quanto riguarda la partecipazione al programma?

Tre possibilità:

  • Spesso si adotta un approccio “top down” cioè l’organizzazione decide quali donne possono partecipare e le convoca, indipendentemente dal fatto che queste percepiscano di averne bisogno o che vi vogliano dedicare tempo. Di solito si tratta di alti potenziali o donne in posizioni già di middle-management.
  • L’organizzazione decide quali donne possono partecipare, ma  lascia alle queste la possibilità  di iscriversi a uno o più workshop, a seconda del bisogno e della disponibilità di tempo, con un approccio “a menu” per così dire.
  • Anche se è un caso abbastanza raro, alcune aziende inseriscono i workshop sulla leadership femminile nel proprio catalogo e lasciano la possibilità alle donne (in accordo con il proprio capo) di iscriversi.

Quale approccio è consigliato?

Se ci sono obiettivi ambiziosi, sicuramente l’approccio top down è consigliato. In realtà, quasi sempre è quello che da risultati migliori perché evita che le donne non si iscrivano ai workshop temendo di venire stigmatizzate (infatti, per dimostrare di essere già pari agli uomini in termini di possibilità di carriera, alcune donne non vogliono spontaneamente partecipare a questi programmi). Purtroppo a volte coloro che non si iscrivono lo fanno per le ragioni sbagliate e ne avrebbero invece bisogno. Meglio forse chiedere a tutte di partecipare e contribuire, ognuna secondo la propria esperienza. Seguire un percorso insieme ad altre donne crea inoltre maggiore consapevolezza.

Quali sono le caratteristiche di successo di un programma di sviluppo della leadership femminile?

I programmi per far emergere i talenti femminili nelle organizzazioni hanno successo se:

  1. Non fanno solo affidamento sulle buone intenzioni ma pongono degli obiettivi misurabili e tempificati
  2. Non si limitano a mettere al bando la discriminazione di genere, ma fanno qualcosa di più concreto e proattivo
  3. Sono disegnati su misura sulla base degli obiettivi che l’organizzazione si è posta (vedi punto 1) e sulla situazione di partenza
  4. Agiscono su vari fronti: le politiche aziendali, il coaching, il mentoring, il networking, la formazione ecc.
  5. Prevedono fin dall’inizio di monitorare i risultati e intervenire se sotto le attese.

Un ultimo consiglio a chi vuole lanciare un programma di successo a sostegno della leadership femminile…

Serve un po’ di coraggio per mettere in discussione pratiche organizzative e abitudini, stereotipi e pregiudizi senza avere troppa paura.

Dove trovo più informazioni?

Puoi visitare la pagina dedicata alla valorizzazione dei talenti femminili del sito di Learning Edge e, se non trovi quello che ti serve, non esitare a contattarmi.

In Evidenza

07lug

Premio Valeria Solesin

0 Comments
Ultimissimi giorni (fino al 31/7) per partecipare al Premio Valeria Solesin,... Read More →
Pillole di
Talento delle Donne

Odile Robotti - Il talento delle donne

Compra il libro

Guarda l’indice

Scarica un capitolo

FAQ sul libro

Sui media

Seguici

Newsletter




Ricevi tutti i contenuti di LeadershipFemminile.com direttamente nella tua casella di posta. L’iscrizione è gratuita e rispetteremo la tua privacy. In cosa consiste?

Back to Top