La mano che fa dondolare la culla è la mano che governa il mondo

La mano che fa dondolare la culla è la mano che governa il mondo

Stamattina ho ascoltato Alessandra Kustemann (Direttore Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli/Regina Elena e Responsabile del Soccorso Violenza Sessuale e Domestica) che era invitata a parlare a un gruppo di donne da un illuminato studio di avvocati che organizza periodicamente questo tipo di eventi per promuovere il networking femminile.

La Kustermann mi ha fatto riflettere sulla leadership femminile in un modo diverso. Quando penso alla leadership femminile, infatti, di solito penso a donne leader in vari campi, con percorsi, storie e valori magari molto distanti tra loro, ma penso comunque a donne “arrivate”.

La Kustermann ha ricordato che tutte le donne possono esercitare influenza (e contribuire a cambiare la posizione della donna nella società) attraverso l’esempio che danno con il proprio comportamento e attraverso l’educazione dei figli (per chi non è madre, attraverso l’educazione dei giovani).

A quel punto mi sono ricordata di due frasi che mi piacciono molto. La prima è quella notissima di Gandhi: “be the change you want to see in the world” (sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo) a proposito dell’importanza di vivere secondo i propri valori. Chi riesce a essere un buon esempio esercita leadership e può contribuire a cambiare il mondo (e non è necessario essere in posizione apicale: i buoni esempi servono a tutti i livelli). La seconda frase, meno nota, è di William Ross Wallace e dice: “The hand that rocks the cradle is the hand that rules the world” (“la mano che fa dondolare la culla è la mano che governa il mondo”). Chi educa bene i figli esercita leadership e può contribuire a cambiare il mondo.

La leadership femminile è anche questo. Voi come pensate alla leadership femminile?

Tags: