Il Talento delle Donne – Consiglio N. 31 – Se corri, metti la pettorina

Il Talento delle Donne – Consiglio N. 31 – Se corri, metti la pettorina

Cos’è un “momento della verità” in contesto professionale? E’ una circostanza in cui la nostra comprensione di qualcosa fa un balzo in avanti perché improvvisamente vediamo chiaramente qualcosa che prima era invisibile. E’ una situazione in cui una nuova informazione che viene acquisita cambia in modo radicale la nostra percezione della realtà perché, anziché aggiungersi al resto, lo trasforma un pò come il reagente in una reazione chimica.  Il nuovo elemento “rompe i legami chimici ” esistenti e ne fa formare di nuovi, facendo “riaggregare gli atomi”, cioè le informazioni precedentemente acquisite.  

Ho recentemente ascoltato una giovane CEO raccontare un suo “momento della verità” e l’ho trovato talmente illuminante da volerlo condividere (ho il permesso dell’interessata). E’ stato raccontato, durante un evento aziendale online (Philips Diversity Talks), quando la moderatrice ha chiesto di riferire un episodio che, a suo parere, l’avesse fortemente influenzata. L’episodio scelto dalla CEO risaliva a parecchi anni prima, quando era una giovanissima professional. Il suo capo, durante la performance review annuale le aveva detto, senza giri di parole: “Sei molto in gamba, lavori tanto, porti risultati… ma io non ho ancora capito se vuoi indossare la pettorina.” La CEO racconta di non aver capito sull’istante il significato delll’osservazione, di aver dovuto riflettere qualche secondo per decodificarla. Poi si è accesa la lampadina: il suo capo le stava chiedendo se voleva fare carriera. In quel momento  ha capito una cosa importante: non bisogna dare per scontato che la nostra ambizione sia compresa. Lavorare tanto, essere le più brave e dimostrarlo coi risultati non basta per far capire che vogliamo correre una gara e vincerla. Dobbiamo dirlo, se no penseranno che che stiamo facendo jogging per tenerci in forma.

Due punti domande chiave:

  • Perché le donne manifestano meno ambizione? Perché è opposta allo stereotipo femminile altruista (essere ambiziosi è un comportamento individualistico). Inoltre, devono stare attente a come la manifestano per non essere sottilmente (o anche apertamente) sanzionate. Notate bene che manifestare poco l’ambizione non vuol dire non averla.
  • Perché non si da per scontato che una donna che lavora bene e senza risparmiarsi voglia fare carriera? Anzitutto perché la vecchia mentalità della donna che sta “un passo indietro”, che ha altre priorità e non ama competere è ancora molto diffusa. Inoltre, perché noi donne tendiamo a fare le cose senza farle pesare, come fossero naturali e non ci causassero nessuno sforzo (atteggiamento meno diffuso tra gli uomini). Purtroppo, così sembra che stiamo passeggiando e non partecipando a una gara.

Da anni consiglio alle donne di manifestare la loro ambizione (se ne hanno), cioè di non dare per scontato che verrà compresa e tenuta in conto. Mi mancava però qualcosa che aiutasse a fissare questa idea nella testa di chi mi ascolta. Finalmente l’ho trovato. Grazie Simona Comandé, CEO di Philips Italia, Israele e Grecia, per aver condiviso.

I consigli che darò ogni martedì sono tratti dal mio libro Il Talento delle Donne, un manuale pratico per donne che vogliono avere successo nelle organizzazioni senza rinunciare alla propria identità personale e femminile. Chi è interessato alle carriere femminili e alla leadership femminile trova molti altri spunti di riflessione sul sito: Leadershipfemminile.com