leadership femminile Tag

Non ci si ferma quando si è stanchi

Ci si ferma quando si è terminato il lavoro. E per quanto riguarda la partecipazione delle donne alla forza lavoro (in Italia meno del 50% delle donne hanno un lavoro retribuito) e alla leadership (solo il 17% dei dirigenti è donna),

Essere l’unica principessa del castello è una fregatura

Da piccole la stragrande maggioranze delle bambine sognano di essere una principessa. Se ci pensate, è una cosa un pò strana: non ci sono tante monarchie rimaste (la probabilità di successo di un piano di vita del genere è come vincere

Non dipingere affreschi (almeno sul lavoro)

Di norma, noi donne  amiamo dipingere degli affreschi per descrivere una situazione, lavorativa o personale, mentre gli uomini preferiscono tracciare uno schizzo. Le loro descrizioni ci sembrano troppo semplici o poco profonde, ma le nostre rischiano di far confonderli e disinteressarli.

La differenza delle persone che fanno la differenza

Cosa fanno di diverso le persone di successo? Come immaginate, molti se lo sono chiesto e pare che quasi tutti abbiano tentato di dare una risposta perché, se mettete in google questa domanda, verrete inondati di consigli. Molti sono ovvietà, ma ogni

L’anello mancante tra performance e leadership

Se vi siete sentite dire che siete brave, ma non avete l'aura del leader, non siete certo le sole e probabilmente non è nemmeno colpa vostra. I modelli di leadership sono per lo più maschili e noi facciamo fatica a recitare la parte

Le scelte delle donne assomigliano al Comma 22

Le donne che vogliono fare carriera possono farlo, ma esiste un Comma22 del regolamento. Il comma (provocatoria invenzione di Heller nel suo libro Comma 22) faceva parte del regolamento a cui i piloti, protagonisti del romanzo, erano soggetti. Recitava: "Chi è pazzo può chiedere di

Ambiziosa come Lady Macbeth

L'ambizione delle donne è sottilmente sanzionata (perché contraddice lo stereotipo femminile altruista) o presa poco sul serio (perché confusa con il desiderio di essere la primadonna della situazione, cioè la principessa del castello). Ma, senza manifestare ambizione, non si può fare

Trump femminista senza volerlo

E' stato osservato acutamente e provocatoriamente da Gillian Tett sul FT (The truth about Trumpkins) che ha fatto più Trump per riaccendere il femminismo negli ultimi anni di quanto abbiano fatto le femministe stesse. Il suo linguaggio offensivo "da spogliatoio", i suoi presunti